12/09/2019 - RAGIONERIA - AFFARI GENERALI - Corte Conti Lombardia: limiti al compenso del revisore

12/09/2019 - RAGIONERIA - AFFARI GENERALI - Nella delibera n. 320 del 19 luglio 2019 la Corte dei Conti per la Lombardia ha analizzato la richiesta di chiarimenti di un Sindaco in merito all’esistenza di un limite minimo obbligatorio per i compensi dei revisori dei conti, avendo l'ente ricevuto una nota da parte del revisore dei conti di nuova nomina con il quale lo stesso lamentava la mancata applicazione dei parametri fissati dal nuovo D.M. del 21 dicembre 2018, in quanto il compenso determinato dal Comune risultava inferiore al compenso massimo previsto per i Comuni di fascia anagrafica inferiore: la Corte evidenzia come la normativa (art. 241 del d.lgs. 267/2000) ha predeterminato il tetto massimo del compenso sulla base di criteri oggettivi, prefissati dalla legge (parametri aggiornati con D.M. del 21/12/2018), ma nulla ha disposto in ordine ai limiti minimi, per cui deve trovare applicazione il principio, fissato dalla sezione Autonomie dalla Corte stessa, secondo cui l’interesse del revisore ad un adeguato corrispettivo “si realizza mediante lo strumento contrattuale - ove sia possibile la determinazione concordata del compenso - o in sede giudiziaria, qualora la remunerazione fissata dall’ente appaia incongrua”.

Informazioni aggiuntive

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per fornirti un servizio migliore, qui puoi trovare tute le informazioni inirenti l'utilizzo dei cookie (Coookie policy).
In ottemperanza al regolamento generale sulla protezione dei dati GDPR (UE) 2016/679 consulta la nostra privacy policy (Privacy policy)

Accetto l'utilizzo dei cookie per questo sito.