26/04/2016 - TRIBUTI - Corte Conti Piemonte: case vacanze private e imposta di soggiorno

26/04/2016 - TRIBUTI - Con la delibera n. 24 del 23 marzo 2016 la Corte dei Conti, sezione regionale di controllo per il Piemonte, si occupa di un Comune che intende ampliare la base imponibile dell’imposta di soggiorno includendovi il caso del soggiorno in case di privati locate per le vacanze, assimilando tale fattispecie alle “strutture ricettive”, il che determina un aumento tributario che potrebbe essere in contrasto con la previsione di blocco di cui all’articolo 1, comma 26, legge n. 208/2015; la Corte chiarisce che va distinta l’ipotesi in cui l’inclusione delle case ammobiliate di privati consegua ad un’operazione meramente interpretativa da quella in cui tale risultato richieda un’espressa previsione regolamentare: nel primo caso, infatti, non si tratterebbe di estendere la portata di un tributo quanto piuttosto di individuarne correttamente, anche per il pregresso, i suoi reali destinatari, ovvero si tratterebbe, detto in altri termini, della corretta interpretazione del presupposto di imposta, con conseguente recupero di quanto finora conseguentemente evaso, mentre nel secondo caso, ovvero qualora per l’estensione dell’imposta di soggiorno nei confronti di ospiti di case ammobiliate gestite da privati fosse necessaria una previsione espressa, ciò risulterebbe in contrasto con il divieto normativo di incremento della pressione fiscale.

 

Informazioni aggiuntive

Questo sito utilizza cookie proprietari e di terze parti per fornirti un servizio migliore, qui puoi trovare tute le informazioni inirenti l'utilizzo dei cookie (Coookie policy).
In ottemperanza al regolamento generale sulla protezione dei dati GDPR (UE) 2016/679 consulta la nostra privacy policy (Privacy policy)

Accetto l'utilizzo dei cookie per questo sito.